I benefici dei Composti Organici Volatili Biogenici BVOC

I Benefici del Bosco scoperti con il Naso Elettronico della Ion Science Italia!
14 Gennaio 2020
Analizzare i VOC nei Detergenti
30 Marzo 2020

DNA Human Clock. 3D rendering

I terpeni  sono una famiglia di composti organici volatili biogenici BVOC e vengono  prodotti da varie piante ; sono emissioni  di molecole  sprigionate dalle resine e da olii essenziali ,fanno anche  parte degli aerosol forestali.

In passato , l’olio vegetale contenente terpene è stato usato per trattare varie malattie  pur senza conoscerne le esatte funzioni o i meccanismi di azione dei singoli composti bioattivi si erano scoperta la qualità  antiossidante .

Questo articolo prende spunto da un lavoro chiamato Terpenes from Forests and Human Health  dell’Università di Seul e classifica i vari terpeni facilmente ottenibili dalle foreste in base alle loro attività benefica per la salute.

Questo studi  dimostrano l’efficacia biologica dei terpeni e sottolineano  i benefici del Forestbathing inoltre propongono un potenziale uso dei terpeni come agenti chemioterapici per il trattamento di varie malattie umane.

Gli studi degli ultimi decenni hanno dimostrato che i terpeni esercitano effetti antinfiammatori inibendo varie vie proinfiammatorie nell’edema dell’orecchio, nella bronchite, nella malattia polmonare ostruttiva cronica, nell’infiammazione della pelle e nell’osteoartrite .

α-Pinene   presente negli oli di conifere e rosmarino, ha mostrato attività antinfiammatoria diminuendo l’attività delle protein chinasi attivate dal mitogeno (MAPK); una forte attività antinfiammatoria è stata osservata quando l’α-pinene è stato usato in combinazione con due ingredienti attivi di incenso, linalolo e 1-ottanolo.

Monoterpene d-limonene presente in natura è stato segnalato per ridurre l’infiammazione polmonare allergica nelle cavie da laboratorio probabilmente attraverso le sue proprietà antiossidanti . Ha anche ridotto l’infiammazione indotta dalla carragenina riducendo la migrazione cellulare, la produzione di citochine e lo stravaso di proteine ​​(27). Simile all’α-pinene, il d-limonene ha esercitato un effetto anti-osteoartritico inibendo la produzione di NO indotta da IL-1β nei condrociti umani (28). Il trattamento con d-limonene ha ridotto la produzione indotta dalla doxorubicina di due citochine proinfiammatorie, TNF-α e prostaglandine E-2 (PGE2).Il trattamento con monoterpene p-cimene ha ridotto l’enfisema polmonare indotto dall’elastasi . Ha ridotto l’ingrandimento alveolare, il numero di macrofagi e i livelli di citochine proinfiammatorie come IL-1β, IL-6, IL-8 e IL-17 nel liquido di lavaggio broncoalveolare .

Allo stesso modo, il p-cimene ha mostrato un effetto protettivo in un modello murino di danno polmonare acuto indotto da LPS riducendo il numero di cellule infiammatorie nel BALF e l’espressione di NF-κB nei polmoni  e riducendo la produzione di citochine proinfiammatorie e infiltrazione di cellule infiammatorie .

Il trattamento con linalolo, un composto naturale presente negli oli essenziali delle piante aromatiche, ha inibito l’infiammazione polmonare acuta indotta dal fumo di sigaretta inibendo l’infiltrazione di cellule infiammatorie.

Il monoterpene γ-terpinene, presente nell’olio essenziale di molte piante tra cui l’eucalipto, ha ridotto la risposta infiammatoria acuta. .

Il borneolo, un monoterpene biciclico presente in Artemisia, Blumea e Kaempferia, è stato usato nella medicina tradizionale edallevia l’infiammazione polmonare acuta riducendo l’infiltrazione infiammatoria, tihyper

Numerosi studi hanno dimostrato che gli oli essenziali derivati ​​da varie piante hanno anche  effetti neuroprotettivi contro le condizioni neurodegenerative. Pertanto, come componente principale degli oli essenziali vegetali, i terpeni possono essere utili per la salute dei neuroni umani. Tuttavia, solo pochi studi si sono concentrati sugli effetti benefici dei componenti terpenici degli oli essenziali vegetali sulla salute neuronale.

Uno studio recente ha dimostrato che il borneolo esercita un effetto neuroprotettivo contro la citotossicità β-amiloide (Aβ) attraverso l’upregolazione della traslocazione nucleare di Nrf2 e l’espressione di Bcl-2 (100). Inoltre, il trattamento con isoborneolo, un alcool monoterpenico, ha ridotto significativamente la generazione di ROS indotta dalla 6-idrossidopamina e la morte cellulare nelle cellule SH-SY5Y del neuroblastoma umano, suggerendo che l’isoborneolo può essere un potenziale agente terapeutico per il trattamento delle malattie neurodegenerative associate allo stress ossidativo ( 101). L’estere salvianico del borneolo, un nuovo composto sintetizzato dall’acido salvianico A e dal borneolo, esercita anche effetti anti-amiloidi e neuroprotettivi sia nelle cellule SH-SY5Y sia nelle cellule VSC 4.1 dell’ibridoma dei motoneuroni (102).

Altri monoterpeni come α-pinene e 1, 8-cineolo esercitano anche effetti neuroprotettivi regolando l’espressione genica. Hanno protetto le cellule PC12 dall’apoptosi indotta dallo stress ossidativo attraverso lo scavenging dei ROS e l’induzione del fattore nucleare Nrf2 seguito da una maggiore espressione di enzimi antiossidanti tra cui catalasi, superossido dismutasi, glutatione perossidasi, glutatione reduttasi e HO-1 (106). Allo stesso modo, il p-cimene ha effet

In Conclusione gli oli essenziali ottenuti dalle piante sono stati utilizzati in diverse medicine tradizionali a causa dei loro ampi effetti benefici sulla salute umana .

Ad oggi, molti terpeni derivati ​​da oli essenziali e bagni nelle foreste sono stati segnalati per esibire forti attività biologiche. Questa recensione ha classificato i terpeni che hanno presentato risultati importanti nei sistemi cellulari e animali in base alle loro attività antinfiammatorie, antitumorigene o neuroprotettive . Sebbene i dati che chiariscono i possibili meccanismi di azione di questi composti siano in aumento, numerosi studi presentano ancora solo risultati preliminari di screening. Pertanto, per studiare i futuri usi chemioterapici dei terpeni, è necessario esplorare ulteriormente i meccanismi d’azione dettagliati, compresi i percorsi di segnalazione associati alle loro funzioni biologiche. Inoltre, la comprensione della relazione tra le diverse strutture chimiche dei terpeni e i ruoli fisiologici in vivo di questi composti può fornire spunti critici per il futuro sviluppo di terapie con selettività e specificità migliorate.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi