Cosa è la IAQ (Indoor Air Quality) e come monitorarla

Perché controllare i VOC in un’azienda di verniciatura
9 Febbraio 2024
Il monitoraggio dello stirene nelle cabine delle barche appena costruite
16 Febbraio 2024

Cosa è la IAQ (Indoor Air Quality) e come monitorarla

 

La qualità dell’aria interna, nota anche come IAQ (Indoor Air Quality), gioca un ruolo fondamentale nel determinare la salute e il benessere degli occupanti degli edifici. Con sempre più persone che trascorrono la maggior parte del loro tempo in ambienti chiusi, la consapevolezza dell’IAQ è diventata cruciale.

 

Cos’è la IAQ?

La IAQ si riferisce alla qualità dell’aria all’interno di edifici residenziali, commerciali e industriali. Questa include una serie di fattori, come la concentrazione di particelle in sospensione nell’aria, l’umidità, la temperatura e la presenza di gas e vapori dannosi.

 

Diversi fattori possono influenzare la IAQ, tra cui:

  1. Particelle sospese: Polline, polvere, muffe e altri allergeni possono accumularsi nell’aria interna, causando problemi respiratori e allergie.
  2. Gas e vapori: Gas come il biossido di carbonio (CO2), il monossido di carbonio (CO) e vapori chimici provenienti da prodotti di consumo e materiali da costruzione possono essere dannosi per la salute umana.
  3. Umido: Livelli eccessivamente alti o bassi di umidità possono favorire la crescita di muffe e batteri, causando problemi respiratori e irritazioni.
  4. Temperatura: Temperature estreme possono influenzare il comfort termico e la salute degli occupanti degli edifici.

 

Monitorare la IAQ è essenziale per identificare e affrontare eventuali problemi. Ecco alcuni modi per farlo:

  1. Sensori di qualità dell’aria: Installare sensori di qualità dell’aria che misurano la concentrazione di particelle sospese, CO2, umidità e temperatura. Questi dispositivi forniscono dati in tempo reale sulla qualità dell’aria e possono aiutare a identificare problemi.
  2. Monitoraggio dell’umidità: Utilizzare igrometri per monitorare i livelli di umidità relativa e garantire che siano nel range ottimale (generalmente tra il 30% e il 50%).
  3. Ventilazione: Assicurarsi che gli edifici siano adeguatamente ventilati per ridurre l’accumulo di inquinanti e migliorare la circolazione dell’aria.
  4. Riduzione delle fonti di inquinamento: Identificare e ridurre le fonti di inquinamento interno, come prodotti chimici per la pulizia, fumi di cucina e fumo di tabacco.

 

Monitorare la IAQ è un passo importante per garantire un ambiente interno sano e confortevole per tutti gli occupanti degli edifici. Investire nella qualità dell’aria può portare a benefici significativi per la salute e il benessere a lungo termine.

 

È possibile verificare la qualità dell’aria attraverso lo strumento Yes Air, commercializzato da Green Science.

 

 

Ludovica Alberti

Social Media Manager

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi