Scopri gli inquinanti che si nascondono in casa

Odori in discarica per Biogas
27 Giugno 2019
Monitoraggio ambientale sulla Nave Scuola Palinuro della Marina Militare
27 Agosto 2019

Dalle alle ultime ricerche e analisi chimiche si è scoperto che il 96% delle abitazioni ha almeno un problema di qualità dell’aria negli ambienti chiusi. Scopri gli inquinanti che si nascondono in casa.

Il colpevole potrebbe essere qualsiasi cosa, dalla polvere eccessiva all’umidità elevata e alle emissioni di detergenti domestici o materiali da costruzione.
Il problema è che la maggior parte delle persone non è a conoscenza di questo problema e quando lo capiscono è perché di solito avvertiti da sintomi allergici o da effetti drammatici sulla salute e comunque nella maggior parte dei casi non sanno esattamente quale sostanza inquinante lo sta causando. Scopri gli inquinanti che si nascondono in casa.

Alcuni monitor di qualità dell’aria interna tracceranno anche la qualità dell’aria esterna per fornire un paragone con le letture interne. Le misurazioni vengono quindi visualizzate come un’app complementare sul dispositivo mobile. La maggior parte dei monitor IAQ ti avviserà di livelli non sicuri tramite una spia e / o notifiche push sul tuo smartphone o tablet.
Quando riesci a monitorare l’inquinante puoi agire per ridurlo anche in maniera semplice per esempio aprendo alcune finestre. Alcuni monitor attivano anche altri dispositivi intelligenti, come un purificatore d’aria, un ventilatore o un deumidificatore, per migliorare la qualità dell’aria. In definitiva, un buon monitor IAQ dovrebbe fornire indizi sufficienti per indagare ed eliminare l’origine dei problemi di qualità dell’aria.

Abbiamo incluso una guida agli inquinanti che un buon monitor IAQ dovrebbe tracciare. Scopri gli inquinanti che si nascondono in casa

Top inquinanti indoor! Scopri il nemico che si nasconde nella tua casa! Scopri gli inquinanti che si nascondono in casa.

1) PM2.5: il particolato, o PM, è un mix di particelle e goccioline nell’aria. Il PM varia per forma e dimensione, ma quelli di 10 micrometri di diametro o più piccoli possono influire negativamente sulla tua salute perché possono essere inalati. Il PM 2.5 si riferisce al particolato fine, che ha un diametro di due micron e mezzo micron o meno.
Un’esposizione sufficiente a PM2.5 può irritare occhi, naso, gola e polmoni, portando a sintomi di tipo allergico e mancanza di respiro in persone altrimenti sane. Può anche esacerbare i problemi medici esistenti, come l’asma e le malattie cardiache. L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera il PM2.5 il più grande rischio per la salute ambientale del mondo.
I livelli di PM2,5 indoor possono essere influenzati da fonti esterne come scarichi di veicoli, incendi e emissioni di centrali elettriche. Ma molte attività al coperto producono anche PM2.5: cucinare, bruciare camini e fumare sono solo alcune delle fonti più comuni.

2) VOC: l’acronimo sta per composti organici volatili, gas emessi da una varietà di materiali che possono avere effetti sulla salute a breve e lungo termine. Secondo l’Environmental Protection Agency, le concentrazioni di molti VOC possono essere fino a 10 volte superiori all’interno di quelle all’aperto.
Le fonti di COV comprendono molti prodotti domestici comuni, tra cui lacca per capelli, cosmetici, fluidi detergenti, disinfettanti, vernici e vernici. I combustibili bruciati come il legno e il gas naturale producono anche COV. La formaldeide è uno dei VOC più comuni e può essere trovata in molti materiali da costruzione, tra cui compensato, colle e isolamento. La formaldeide viene anche utilizzata in alcuni tessuti per tende e mobili. Puoi leggere ulteriori informazioni sulla formaldeide e le sue fonti in questo articolo della Commissione per la sicurezza dei prodotti dei consumatori negli Stati Uniti.
L’esposizione a breve termine ai bassi livelli di VOC può causare irritazione alla gola, nausea, affaticamento e altri piccoli disturbi. L’esposizione a lungo termine ad alte concentrazioni di COV è stata collegata a un’irritazione respiratoria più grave nonché a danni al fegato e ai reni. I prodotti possono emettere VOC anche quando sono in magazzino, anche se in misura minore rispetto a quando vengono utilizzati attivamente.

3)Monossido di carbonio: ormai molte persone sono consapevoli degli effetti mortali di alte concentrazioni di questo gas inodore e incolore. Ma l’esposizione a livelli più bassi a volte emessi da apparecchi a combustione di carburante può anche causare reazioni avverse, tra cui confusione e perdita di memoria.

4)Radon: il radon è un gas naturale incolore e inodore che è la principale causa di cancro ai polmoni negli Stati Uniti dopo il fumo, secondo l’EPA. Poiché è un sottoprodotto della scomposizione naturale dell’uranio nel suolo, nelle rocce e nell’acqua, è onnipresente sia all’interno che all’esterno. In genere, i livelli di radon al coperto devono essere controllati utilizzando kit a base di carbone e richiedono di testare i livelli per un massimo di 90 giorni. È quindi necessario spedire il kit a un laboratorio per l’analisi e attendere i risultati.
5)Anidride Carbonica La più grande fonte di CO2 indoor è la gente stessa, in quanto è un sottoprodotto della nostra funzione respiratoria. Accoppiato con scarsa ventilazione, questo in genere porta ad alti livelli di CO2 in molte case. Fortunatamente, i sensori di CO2 possono essere trovati sulla maggior parte dei monitor di qualità dell’aria.

6)Temperatura e umidità: questi livelli possono influenzare più del comfort. Le alte temperature e l’eccessiva umidità favoriscono la crescita di muffe e funghi. Questi possono causare danni strutturali alla vostra casa e causare sintomi simil-allergici in quelli con sensibilità. Il monitoraggio di questi livelli può aiutarti a prevenire i problemi di casa e di salute.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi